lunedì 17 marzo 2008

Software: concetti elementari e tipologia in base alla licenza

Maria Susana Diaz | 15:35 |

Il software è un codice che è tutelato dalle leggi sul diritto di autore, in maniera simile a quanto avviene per le opere letterarie. Tradizionalmente, il contratto che regola l'uso del software è la licenza, ed è sempre importante conoscere i termini di questa licenza per il software con cui si intende avere a che fare.

Il software ha un proprietario (salvo il caso del software di pubblico dominio che verrà descritto), che è tale in quanto «detiene i diritti di autore». Questo proprietario può essere l'autore originale, oppure un altro detentore che ne ha acquisito i diritti in base a un contratto. Il detentore dei diritti di autore è colui che possiede il copyright.

L'utilizzo del software può essere concesso gratuitamente o a pagamento, per le operazioni stabilite nel contratto di licenza. Il pagamento per l'«acquisto» di software, non si riferisce all'acquisizione dei diritti di autore, ma solo delle facoltà stabilite dalla licenza.

http://www.openlina.com/eulercode/wp-content/uploads/2007/10/opensource_logo.gif

La natura del software è tale per cui questo sia composto da due parti fondamentali: il codice sorgente e il codice eseguibile. Il primo è intelligibile, il secondo è adatto all'esecuzione, e non è intelligibile. Dal momento che per funzionare è sufficiente il codice eseguibile, le leggi dei vari paesi che tutelano il diritto di autore per il software, tendono a consentire la distribuzione del solo codice eseguibile, consentendo a chi detiene i diritti di autore di mantenere nascosto il codice sorgente. Nello stesso modo, le leggi di questi paesi, tendono a considerare illecita la decompilazione, ovvero lo studio del codice eseguibile volto a scoprirne il funzionamento.

2.jpg

Figura 1.1: Schema della classificazione del software; disegno di Chao-Kuei, ottenuto dal sito di FSF.

1.1 Software libero

Il software libero è software che fornisce il permesso per chiunque di utilizzarlo, copiarlo e distribuirlo, in forma originale, o anche dopo averlo modificato, sia gratuitamente che a pagamento. Il software libero può essere tale solo se viene messo a disposizione assieme al codice sorgente, e a questo proposito, qualcuno ha detto: «se non è sorgente, non è software» (if it's not source, it's not software).

È importante sottolineare che la «libertà» del software libero non sta tanto nel prezzo, che eventualmente può anche essere richiesto per il servizio di chi ne distribuisce le copie, ma nella possibilità di usarlo senza vincoli, di copiarlo come e quanto si vuole, di poterne distribuire le copie, di poterlo modificare, e di poterne distribuire anche le copie modificate.

Alcune persone preferiscono utilizzare la definizione «Open Source» per fare riferimento al software libero nei termini che sono stati descritti, per evitare ambiguità nella lingua inglese. Nella lingua italiana, e in molte altre lingue, è più opportuno l'uso della definizione «software libero».

Vale la pena di elencare alcune definizioni riferite al software libero.

  • software di pubblico dominio

    Il software di pubblico dominio è software senza copyright. Di per sé, questo tipo di software è libero, solo che, non avendo un copyright, non ha nemmeno una licenza, e chiunque può farne quello che vuole, anche appropriarsi i diritti. Questo implica che alcune copie, o varianti di questo software possono non essere più libere.

  • software protetto da copyleft

    La parola copyleft è un'invenzione, e vuole rappresentare il copyright di chi, mentre difende il proprio diritto di autore, vuole difendere la libertà della sua opera, imponendo che questa, e le sue derivazioni, restino libere. In pratica, una licenza appartenente alla categoria «copyleft», impedisce che chi ridistribuisce il software (originale o modificato che sia) possa aggiungere delle restrizioni ulteriori. Il classico esempio di licenza di questo tipo è la licenza pubblica GNU-GPL (appendice E).

  • software libero non protetto da copyleft

    Il software libero non è necessariamente di tipo copyleft, e ciò accade quando la licenza non vieta espressamente l'aggiunta di restrizioni da parte di chi lo ridistribuisce. Quando si utilizza software di questo tipo, non è possibile generalizzare: occorre accertarsi dei termini del contratto che riguarda la copia particolare della quale si è venuti in possesso.

  • software GPL

    La licenza GNU-GPL è l'esempio più importante di licenza che protegge il software libero con il copyleft. Quando si parla di «software GPL» si intende fare riferimento a software protetto con la licenza pubblica GNU-GPL.

1.2 Software non libero

Il software non è libero tutte le volte che non sono soddisfatti tutti i requisiti necessari per poterlo essere. È bene ricordare che il prezzo non è un fattore che limita la libertà, mentre altri dettagli sono più importanti. Anche in questo caso, vale la pena di elencare alcune definizioni che in generale riguardano software non libero.

  • software semi-libero

    Il software semi-libero è software che permette agli individui di usarlo, copiarlo, modificarlo e distribuirlo, anche modificato, per qualunque scopo, escluso quello di trarne profitto. In altri termini, si potrebbe dire che si tratta di software libero a cui è stata aggiunta la limitazione per la quale questo non può essere usato e distribuito per trarne profitto. Questo dettaglio è molto importante e non va trascurato.

  • software proprietario

    Il software proprietario è quel software che non è né libero, né semi-libero. Di solito, per «avere a che fare» con questo software è necessario ottenere un permesso speciale, che spesso si limita a concedere l'uso su un elaboratore, o su un gruppo ben determinato.

    • software freeware

      Il termine freeware non è abbinato a una definizione precisa, ma in generale viene inteso generalmente come software gratuito, del quale non viene reso pubblico il codice sorgente, che può essere usato e copiato senza poterlo modificare. In questo senso, il prefisso «free» serve solo a evidenziare la gratuità della cosa, ma non la libertà che invece richiede molto di più.

    • software shareware

      Il termine shareware si fa riferimento a software proprietario che può essere ridistribuito, ma per il quale viene richiesto espressamente il pagamento dopo un periodo di prova.

1.3 Software commerciale

In base alle classificazioni viste in questo capitolo, il software commerciale è tale solo in quanto viene venduto per profitto. Uno degli elementi cardine del software libero è proprio il fatto che viene concessa espressamente la facoltà di venderne delle copie (originali o modificate), per trarne profitto. In questo senso, è importante evitare di confondere il software proprietario con il software commerciale, perché non sono la stessa cosa.

Per comprendere o confondere meglio le cose, si aggiunga il fatto che può esistere anche del software non-libero, che non è nemmeno commerciale.

1.4 Riferimenti


TiPI (Ti Potrebbe Interessare)
LinuxLinks

GOOGLE+

LINKEDIN

Xtreme Download Manager, XDMAN Ubuntu, audio, Linux opera mini, browser internet Chromium Linux, Chrome, browsers tux collection, mascote Linux LibreCAD, Grafica, Disegno vim, editor, linux, ubuntu Ardour, audio, Ubuntu Unity, deskyop, Gnome, Ubuntu grafica 3d, Linux, Blender