gimp,filtri, ifs, grafica Ubuntu, audio, Linux opera mini, browser internet Chromium Linux, Chrome, browsers tux collection, mascote Linux ubuntu 13.04, raring Ringtail, Linux vim, editor, linux, ubuntu Ardour, audio, Ubuntu Unity, deskyop, Gnome, Ubuntu grafica 3d, Linux, Blender

domenica 26 aprile 2015

Guida a Systemd: strumenti, impostaziome e personalizzazione

Systemd è un sistema ed un manager di servizi per Linux, compatibile con SysV e LSB init scripts. systemd fornisce potenti capacità di parallelizzazionne, usa attivazioni socket e D-Bus per avviare i servizi, offre inizializzazioni di demoni su richiesta, tiene traccia dei processi usando Linux cgroups, supporta lo snapshotting ed il ripristino dello stato del sistema, mantiene il mount e l'automount ed implementa un servizio logico di controllo. Può lavorare come rimpiazzo per sysvinit. Per maggiori informazioni sono disponibili i video http://linuxconfau.blip.tv/file/4696791/ o http://www.youtube.com/watch?v=TyMLi8QF6sw

Per gli amministratori di sistema
Gli amministratori di sistema possono visitare questa pagina per sapere come usare systemctl che sostituisce il vecchio flusso di lavoro in SysVinit. Da notare che i comandi service e chkconfig continueranno a funzionare come previsto anche in systemd.

Strumenti.

  • systemctl: usato per esaminare e controllare lo stato di systemd e del service manager
  • systemd-cgls: ricorsivamente mostra il contenuto della gerarchia del control group selezionato nell'albero
  • systemadm: una interfaccia grafica per systemd e per il service manager. Fa parte del pacchetto systemd-gtk. Si tratta di una versione giovane ancora in lavorazione. Non usarla se non si è sviluppatori.

Systemd_components.svg

Guida a Systemd: introduzione e caratteristiche.

Systemd è un sistema ed un manager di servizi per Linux, compatibile con SysV e LSB init scripts. systemd fornisce potenti capacità di parallelizzazionne, usa attivazioni socket e D-Bus per avviare i servizi, offre inizializzazioni di demoni su richiesta, tiene traccia dei processi usando Linux cgroups, supporta lo snapshotting ed il ripristino dello stato del sistema, mantiene il mount e l'automount ed implementa un servizio logico di controllo. Può lavorare come rimpiazzo per sysvinit. Per maggiori informazioni sono disponibili i video http://linuxconfau.blip.tv/file/4696791/ o http://www.youtube.com/watch?v=TyMLi8QF6sw

Per gli amministratori di sistema
Gli amministratori di sistema possono visitare questa pagina per sapere come usare systemctl che sostituisce il vecchio flusso di lavoro in SysVinit. Da notare che i comandi service e chkconfig continueranno a funzionare come previsto anche in systemd.

Cos'é systemd?

Introduzione.

systemd-1

venerdì 24 aprile 2015

Rilasciato Ubuntu 15.04 "Vivid Vervet" e derivate: ecco tutti i download.

Perfetta tabella di marcia: Ubuntu ha rilasciato in data odierna la nuova versione del sistema operativo targato Canonical: Ubuntu 15.04 “Vivid Vervet”.

Come sappiamo Canonical ha già investito molto nel progetto open source OpenStack, piattaforma di cloud computing che permette ad un amministratore di creare e gestire il proprio server cloud. Ebbene, nella versione 15.04 di Ubuntu è installata – in pre-release ed esclusiva – l’ultima versione del software. Questo aggiornamento introduce inoltre un nuovo tipo di hypervisor denominato LXD (Linux Container Daemon), in grado di lanciare e gestire sullo stesso server un cospicuo numero di macchine virtuali. Quest’ultimo è oltretutto compatibile con OpenStack.

Ancora un nulla di fatto per Unity 8 ed il nuovo server grafico Mir: a bordo di Ubuntu 15.04 troviamo il desktop Unity in versione 7.3 su server X. Nessuno stravolgimento grafico, quindi, ma una serie di bugfix e qualche nuova funzionalità aggiunta: i menu integrati localmente (LIM) possono ora essere attivati per tutte le finestre e la dash ha subito una serie di migliorie dedicate a usabilità e stabilità.

vivid_vervet-cercopithecus-neglectus[2]

Ubuntu 15.04 “Vivid Vervet” in perfetto orario.

Perfetta tabella di marcia: Ubuntu ha rilasciato in data odierna la nuova versione del sistema operativo targato Canonical: Ubuntu 15.04 “Vivid Vervet”.

Come sappiamo Canonical ha già investito molto nel progetto open source OpenStack, piattaforma di cloud computing che permette ad un amministratore di creare e gestire il proprio server cloud. Ebbene, nella versione 15.04 di Ubuntu è installata – in pre-release ed esclusiva – l’ultima versione del software. Questo aggiornamento introduce inoltre un nuovo tipo di hypervisor denominato LXD (Linux Container Daemon), in grado di lanciare e gestire sullo stesso server un cospicuo numero di macchine virtuali. Quest’ultimo è oltretutto compatibile con OpenStack.

Ancora un nulla di fatto per Unity 8 ed il nuovo server grafico Mir: a bordo di Ubuntu 15.04 troviamo il desktop Unity in versione 7.3 su server X. Nessuno stravolgimento grafico, quindi, ma una serie di bugfix e qualche nuova funzionalità aggiunta: i menu integrati localmente (LIM) possono ora essere attivati per tutte le finestre e la dash ha subito una serie di migliorie dedicate a usabilità e stabilità.

vivid_vervet-cercopithecus-neglectus[2]

mercoledì 22 aprile 2015

Guida a Ubuntu 15.04 “Vivid Vervet”: Xorg display server di default.

Mancano ormai pochi giorni  al rilascio di Ubuntu 15.04 Vivid Vervet, nuova release stabile che rende ancora più completa e funzionale la famosa distribuzione Linux supportata da Canonical.

Il team di Ubuntu ha annunciato il rilascio dell'ultima versione Beta (prima del rilascio della versione finale previsto per il 23 Aprile 2015) di Ubuntu 15.04 "Vivid Vervet" e delle sue derivate ufficiali.

Sul fronte Kubuntu troviamo poi una grossa novità ovvero la presenza di Plasma 5 come ambiente desktop di default.

Comune a tutte le distro c'è il consueto aggiornamento del parco software fra cui il nuovo Kernel 3.19.2 e il tanto atteso passaggio a systemd.

Tra le novità incluse di default in Ubuntu 15.04 Vivid troviamo Systemd, sistema di init che prende il posto dell'attuale Upstart, migrazione che però non porta grosse migliorie nei tempi d'avvio del sistema operativo. Con Ubuntu 15.04 Vivid debuttano nuovi sfondi; i developer del team Design Canonical hanno inoltre presentato un nuovo sfondo di default disponibile nella versione porpora e grigia.

vivid ubuntu-convergencia

Guida a Ubuntu 15.04 “Vivid Vervet”: iniziata la migrazione a systemd.

Mancano ormai poche ore al rilascio di Ubuntu 15.04 Vivid Vervet, nuova release stabile che rende ancora più completa e funzionale la famosa distribuzione Linux supportata da Canonical.

Il team di Ubuntu ha annunciato il rilascio dell'ultima versione Beta (prima del rilascio della versione finale previsto per il 23 Aprile 2015) di Ubuntu 15.04 "Vivid Vervet" e delle sue derivate ufficiali.

Sul fronte Kubuntu troviamo poi una grossa novità ovvero la presenza di Plasma 5 come ambiente desktop di default.

Comune a tutte le distro c'è il consueto aggiornamento del parco software fra cui il nuovo Kernel 3.19.2 e il tanto atteso passaggio a systemd.

Tra le novità incluse di default in Ubuntu 15.04 Vivid troviamo Systemd, sistema di init che prende il posto dell'attuale Upstart, migrazione che però non porta grosse migliorie nei tempi d'avvio del sistema operativo. Con Ubuntu 15.04 Vivid debuttano nuovi sfondi; i developer del team Design Canonical hanno inoltre presentato un nuovo sfondo di default disponibile nella versione porpora e grigia.

vivid-ubuntu-convergencia_thumb2

martedì 21 aprile 2015

Guida a Ubuntu 15.04 “Vivid Vervet”: HUD e Global Menu.

Mancano ormai poche ore al rilascio di Ubuntu 15.04 Vivid Vervet, nuova release stabile che rende ancora più completa e funzionale la famosa distribuzione Linux supportata da Canonical.

Il team di Ubuntu ha annunciato il rilascio dell'ultima versione Beta (prima del rilascio della versione finale previsto per il 23 Aprile 2015) di Ubuntu 15.04 "Vivid Vervet" e delle sue derivate ufficiali.

Sul fronte Kubuntu troviamo poi una grossa novità ovvero la presenza di Plasma 5 come ambiente desktop di default.

Comune a tutte le distro c'è il consueto aggiornamento del parco software fra cui il nuovo Kernel 3.19.2 e il tanto atteso passaggio a systemd.

Tra le novità incluse di default in Ubuntu 15.04 Vivid troviamo Systemd, sistema di init che prende il posto dell'attuale Upstart, migrazione che però non porta grosse migliorie nei tempi d'avvio del sistema operativo. Con Ubuntu 15.04 Vivid debuttano nuovi sfondi; i developer del team Design Canonical hanno inoltre presentato un nuovo sfondo di default disponibile nella versione porpora e grigia.

hud-unity-2d-ubuntu-screenshot

Ecco dove scaricare le varie distro:

lunedì 20 aprile 2015

Guida a Ubuntu 15.04 “Vivid Vervet”: compatibilità agli auricolari bluetooth con il supporto completo a BlueZ 5.

Mancano ormai pochi giorni  al rilascio di Ubuntu 15.04 Vivid Vervet, nuova release stabile che rende ancora più completa e funzionale la famosa distribuzione Linux supportata da Canonical.

Il team di Ubuntu ha annunciato il rilascio dell'ultima versione Beta (prima del rilascio della versione finale previsto per il 23 Aprile 2015) di Ubuntu 15.04 "Vivid Vervet" e delle sue derivate ufficiali.

Sul fronte Kubuntu troviamo poi una grossa novità ovvero la presenza di Plasma 5 come ambiente desktop di default.

Comune a tutte le distro c'è il consueto aggiornamento del parco software fra cui il nuovo Kernel 3.19.2 e il tanto atteso passaggio a systemd.

Tra le novità incluse di default in Ubuntu 15.04 Vivid troviamo Systemd, sistema di init che prende il posto dell'attuale Upstart, migrazione che però non porta grosse migliorie nei tempi d'avvio del sistema operativo. Con Ubuntu 15.04 Vivid debuttano nuovi sfondi; i developer del team Design Canonical hanno inoltre presentato un nuovo sfondo di default disponibile nella versione porpora e grigia.

vivid vervet

giovedì 16 aprile 2015

Aggiornamenti di sicurezza per Xubuntu 15.04: Adobe Flash Player Installer.

Adobe Flash Player è un plugin che consente ai browser come Firefox di visualizzare i contenuti multimediali di tipo Flash contenuti nelle pagine web. Viene utilizzato spesso per animazioni, video e giochi. Questo articolo spiega come effettuare l'installazione di Flash.

Quando si visita una pagina web che presenta contenuti Flash, se il plugin non è installato verrà visualizzato il messaggio "Per visualizzare questo contenuto è richiesto un plugin" per quei contenuti per i quali il plugin è necessario.

flash_required_fx35_ita

È opportuno mantenere aggiornato il plugin Flash all'ultima versione disponibile per aumentare le prestazioni del browser nella riproduzione dei contenuti multimediali ridurre il rischio di chiusure improvvise (crash). Per controllare se il plugin è all'ultima versione disponibile, visitare la pagina di verifica plugin sul sito di Mozilla. Se viene rilevata una versione obsoleta del plugin, seguire le istruzioni riportate in precedenza per installarlo manualmente.

Adobe-Flash-Player-11.4-installer

domenica 12 aprile 2015

I 10 articoli piu cliccati nel Regno di Ubuntu nel mese di Marzo 2015.

1.- Rilasciata la versione 1.4.5 di Kazam software per realizzare uno screencast perfetto.

Rilasciata la versione 1.4.5 di Kazam software per realizzare uno screencast perfetto.

Rilasciata la versione 1.4.5 di Kazam Screencaster. Kazam può tornare molto utile per esempio per creare dei video tutorial oppure per tenere traccia di alcune azioni che facciamo sul nostro pc. I video creati con Kazam Screencaster possono essere riprodotti con qualsiasi video player che supporti il formato VP8/WebM. È possibile anche scegliere di registrare il suono da un dispositivo di input

Leggi il resto dell'articolo ... »

2.- Pinta programma leggero di disegno per grafica raster.

Pinta programma leggero di disegno per grafica raster.

Pinta è un programma leggero di disegno per grafica raster, open-source e multipiattaforma. Si ispira a Paint.NET, un editor di immagini simile ma limitato alla piattaforma Microsoft Windows. Lo sviluppo di Pinta comincia nel febbraio 2010 codificato da Jonathan Pobst di Novell. Ha uno sviluppo attivo ed ha in programma rilasci bimestrali. Caratteristiche. Pinta aspira ad offrire una

Leggi il resto dell'articolo ... »

martedì 10 marzo 2015

I 10 articoli piu cliccati nel Regno di Ubuntu nel mese di Febbraio 2015.

1.- Rilasciata la versione 1.4.5 di Kazam software per realizzare uno screencast perfetto.

Rilasciata la versione 1.4.5 di Kazam software per realizzare uno screencast perfetto.

Rilasciata la versione 1.4.5 di Kazam Screencaster. Kazam può tornare molto utile per esempio per creare dei video tutorial oppure per tenere traccia di alcune azioni che facciamo sul nostro pc. I video creati con Kazam Screencaster possono essere riprodotti con qualsiasi video player che supporti il formato VP8/WebM. È possibile anche scegliere di registrare il suono da un dispositivo di input

Leggi il resto dell'articolo ... »

lunedì 23 febbraio 2015

Rilasciata la versione 1.4.5 di Kazam software per realizzare uno screencast perfetto.

Rilasciata la versione 1.4.5 di Kazam Screencaster.

Kazam può tornare molto utile per esempio per creare dei video tutorial oppure per tenere traccia di alcune azioni che facciamo sul nostro pc.

I video creati con Kazam Screencaster possono essere riprodotti con qualsiasi video player che supporti il formato VP8/WebM.

È possibile anche scegliere di registrare il suono da un dispositivo di input supportato e che sia visibile a PulseAudio.

Inoltre Kazam è accessoriato con varie funzioni molto utili come quella per caricare i video appena registrati sul vostro account Youtube.

Kazam è una applicazione per screencast con un interfaccia pulita e amichevole.

La versione corrente è la 1.4.3.

kazam2

martedì 17 febbraio 2015

Pinta programma leggero di disegno per grafica raster.

Pinta è un programma leggero di disegno per grafica raster, open-source e multipiattaforma. Si ispira a Paint.NET, un editor di immagini simile ma limitato alla piattaforma Microsoft Windows.

Lo sviluppo di Pinta comincia nel febbraio 2010 codificato da Jonathan Pobst di Novell. Ha uno sviluppo attivo ed ha in programma rilasci bimestrali.

Caratteristiche.

Pinta aspira ad offrire una semplice alternativa libera a GIMP sul desktop environment GNOME,  ed inoltre ad essere portato su altri sistemi operativi rispetto a Paint.NET, il quale ha dato spunto alla sua creazione. Pinta è scritto con il linguaggio di programmazione C# (C Sharp), usando le librerie grafiche multipiattaforma GTK+ e le librerie grafiche cairo.

Parte del codice, specialmente gli aggiustamenti delle immagini ed i filtri grafici, sono condivisi con Paint.NET.

Funzionalità.

Pinta è un editor di immagini bitmap e dispone di numerose funzionalità tipiche dei software di editing delle immagini, compresi gli strumenti di disegno, filtri grafici e pennelli di regolazione colori. L'attenzione alla usabilità si riflette in molte delle caratteristiche principali del programma:

pinta layers

domenica 8 febbraio 2015

I 10 articoli piu cliccati nel Regno di Ubuntu nel mese di Gennaio 2015.

1.- JQuery vs. MooTols: I Punti di Forza di JavaScript.

JQuery vs. MooTols: I Punti di Forza di JavaScript.

Parte della decisione sta nel domandarsi che cosa si vuole fare con JavaScript. Consideriamo il JavaScript base. Senza nessun framework; solamente vecchio e puro JS. Mette a disposizione oggetti nativi come Strings, Numbers, Functions, Arrays, Dates, Espressioni regolari, e più. Inoltre predispone un modello di ereditarietà - un qualche esoterico modello chiamato ereditarietà prototipale (ne

Leggi il resto dell'articolo ... »

mercoledì 28 gennaio 2015

JQuery vs. MooTols: I Punti di Forza di JavaScript.

Parte della decisione sta nel domandarsi che cosa si vuole fare con JavaScript. Consideriamo il JavaScript base. Senza nessun framework; solamente vecchio e puro JS.

Mette a disposizione oggetti nativi come Strings, Numbers, Functions, Arrays, Dates, Espressioni regolari, e più. Inoltre predispone un modello di ereditarietà - un qualche esoterico modello chiamato ereditarietà prototipale (ne parlerò più avanti).

Questi blocchi portanti ed il concetto di ereditarietà sono pane e burro di ogni linguaggio di programmazione e non hanno assolutamente niente a che vedere con i browser o con il web o con CSS o HTML.

Si potrebbe scrivere qualsiasi cosa si voglia con JavaScript. Tris, scacchi, photo editing, un server web, qualunque cosa. Il fatto è che il 99% di tutto il JS che c'è in giro lo vediamo eseguito sui browser ed è in questo contesto che lo pensiamo. Ossia il linguaggio di programmazione per il browser.

Sapere che il browser, il DOM, è l'area dove la maggior parte delle volte utilizziamo JavaScript ma che quest'ultimo è anche un linguaggio di programmazione molto robusto ed espressivo aiuterà a capire le differenze tra MooTools e jQuery.

Non Solo il DOM.

jQueryVsMooTools2

Ultimi articoli pubblicati

I miei preferiti