martedì 15 aprile 2014

Guida a Digikam: miscela di esposizione.

Maria Susana Diaz | 14:10 |

Nel dettaglio le caratteristiche di digiKam includono anche:

  • organizzazione delle foto in album e sottoalbum, anche a questi è possibile aggiungere commenti ed etichette;
  • supporto a Exif, Makernotes, Iptc, Xmp;
  • le etichette, i voti, le informazioni temporali, i commenti e gli altri dati delle foto sono inseriti anche nelle foto stesse come metadati. Questo consente l'accesso ai dati aggiuntivi anche ad altri programmi che li supportino;
  • i metadati presenti in una foto aggiunta ad un album vengono automaticamente importati nel database di digiKam;
  • utilizzo di un database SQLite;
  • gli album possono essere ordinati per nome, categoria (per esempio famiglia, amici, vacanze...) e data di creazione;
  • le foto possono essere ordinate per nome, percorso del file, data e dimensione del file;
  • supporto per più di 300 formati file RAW proprietari;
  • supporto ai plugin KIPI;
  • l'editor di immagini supporta i profili di colori ICC;
  • grandezza delle anteprime configurabile liberamente;
  • utilizzo di barre laterali per gestire i metadati e le proprietà dei file;
  • supporto a più di 900 fotocamere grazie al progetto Gphoto2.

Digikam-screenshot-3.2.0-linux

Non importa quanto è buona la fotocamera, scattare una foto ben esposta di una scena con elevato contrasto come un uccello nero sulla neve può essere veramente difficile. Anche se passi alla modalità manuale e ritocchi le impostazioni di esposizione, c'è ancora il rischio che finirai per ottenere uno scatto con aree sotto o sovraesposte. Un modo per risolvere questo problema è utilizzare la miscela di esposizione. Questa tecnica prevede lo scatto di parecchie foto della medesima scena o soggetto con differenti esposizioni e poi la fusione di questi scatti in una sola foto perfettamente esposta.

Anche se la miscela di esposizione suona semplice in teoria, ottenere risultati utilizzabili può essere un processo abbastanza lungo e laborioso. Per fortuna digiKam può fare il lavoro sporco per te grazie ad uno strumento miscela di esposizione integrato nei plugin Kipi. Lo strumento miscela di esposizione si affida all'applicazione hugin per l'elaborazione e la fusione delle foto, quindi devi installarla sulla tua macchina prima di usarlo. In Ubuntu puoi utilizzare il comando

sudo apt-get install hugin

Per tenere tutto in ordine, sposta le foto che vuoi fondere in un album separato, selezionale utilizzando la scorciatoia da tastiera Ctrl+A e scegli Strumenti -> Fondi immagini sovrapposte. Questo apre la procedura guidata d'importazione per la Miscela di esposizione che ti guida attraverso l'intero processo. Nella finestra Imposta immagini collegate, aggiungi altre foto se necessario e rimuovi e riordina quelle che sono già nella lista. Premi quindi il pulsante Successivo per spostarti al passo successivo. digiKam può allineare le foto selezionate prima di fonderle. Questa caratteristica può essere utile se hai scattato le foto senza un treppiedi. Se è questo è il caso, spunta la casella Allinea le immagini collegate e premi Successivo per avviare la pre-elaborazione. Una volta che digiKam ha finito, premi Completa e passerai automaticamente nell'editor Miscela di esposizione.

Premi il pulsante Anteprima per vedere la foto miscelata nel riquadro anteprima. Se non sei soddisfatto del risultato puoi ritoccare le opzioni disponibili, inclusa l'esposizione, la saturazione e il contrasto. Puoi anche escludere singole foto dal gruppo per migliorare il risultato della miscela. l'aspetto interessante è che ogni volta che ritocchi le impostazioni e premi il pulsante Anteprima, digiKam genera un'immagine di anteprima che puoi confrontare con la precedente. Puoi quindi salvare tutte le versioni generate o salvare solo quella che ti piace di più.

Sebbene lo strumento miscela di esposizione di digiKam non sia il più potente o il più flessibile esistente, è in grado di produrre risultati piuttosto impressionanti, specialmente se non hai paura di sporcarti le mani ritoccando manualmente i risultati finali.

Screenshots Image Editor Plugins.

0.10.0-editorplugins02 0.10.0-editorplugins03 0.10.0-editorplugins01 0.10.0-editorplugins04 lensautocorrection2 0.10.0-editorplugins05 0.10.0-editorplugins06 0.10.0-editorplugins07 0.10.0-editorplugins08

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

GOOGLE+

LINKEDIN

Xtreme Download Manager, XDMAN Ubuntu, audio, Linux opera mini, browser internet Chromium Linux, Chrome, browsers tux collection, mascote Linux LibreCAD, Grafica, Disegno vim, editor, linux, ubuntu Ardour, audio, Ubuntu Unity, deskyop, Gnome, Ubuntu grafica 3d, Linux, Blender