venerdì 22 marzo 2013

Come creare fantastici frattali con il filtro “fiamme” di GIMP.

Maria Susana Diaz | 14:02 |
gimp logoI frattali sono immagini generate solitamente attraverso procedimenti matematici (ma abbondano anche in natura) che possono essere ingrandite a piacere mantenendo sempre le stesse strutture di base

Le immagini che illustrano il tutorial sono le stesse che ho utilizzato per il tutorial in lingua inglese; naturalmente vi scriverò i comandi in italiano e nel caso voleste cambiare la lingua a Gimp potete farlo andando in Pannello di Controllo —> Impostazioni Regionali e selezionando la lingua che volete.

Il risultato di questa guida è molto bello e facile da ottenere.

Partiamo creando un nuovo documento andando su File —> Nuovo… e settando le opzioni del documento come preferite; ecco le mie scelte:
Create a new file
Ho riempito con colore di primo piano nero
Come riportato qua, il filtro flame presenta qualche difetto con immagini molto grandi; è stato testato senza errori per dimensioni pari a 1024×768, ma presenta problemi con dimensioni superiori. Io facendo molti test ho visto che a volte mi funziona anche a 1600×1200 ma non è detto che funzioni anche a voi.

Assicuratevi che il colore di primo piano e di sfondo sia bianco, e selezionate Abstract 1 come gradiente; se non vedete la scheda dei gradienti, cliccate sopra il bottone evidenziato dal cerchio viola e scegliete Aggiungi scheda —> Gradienti:
Set gradient
Andate su Filtri —> Render —> Natura —> Fiamme…:
Flame menù
Dobbiamo aggiustare qualche opzione nella scheda Rendering:
Set options render tab
Scegliete la Brillantezza appropriata (ho notato che il valore 2.00 fa bene il suo lavoro) alla vostra immagine; dovete ricordarvi che un valore troppo basso rende l’immagine molto scura.
Scegliete anche un valore giusto per il Contrasto e la Gamma; fate un po’ di test per trovare i valori perfetti per la vostra immagine.

Il valore più importante è la Densità campionamento: se mettete un valore basso, la definizione della vostra immagine sarà bassa; se settate un valore alto, la definizione sarà molto alta e il frattale sarà ben definito. Per esempio, se volete ottenere qualcosa di simile dovete settare la Densità campionamento a 5.00, ma se invece volete qualcosa come questo, dovete impostare la Densità campionamento a 20.00.
In Mappa colore scegliete Gradiente personale per utilizzare Abstract 1.

Fatto questo, cliccate sopra la scheda Camera ed impostate lo Zoom a 3.00 (per ingrandire le fiamme); se la visuale delle fiamme non vi piace, muovete X e Y per aggiustare la posizione della vostra immagine.
Adjust camera values
Per scegliere il vostro tipo di fiamme, cliccate su Modifica e scegliete Casuale o Sferica, come Variazione (anche con Sinusoidale potete ottenere degli ottimi effetti). In Direzioni potete vedere l’anteprima di alcune fiamme; se non ve ne piace nessuna, cliccate su Casualità per generare altre anteprime. Quando avrete trovato la “fiamma” che vi piace, cliccate sopra di essa ecliccate Ok due volte (una per la finestra “Modifica fiamme” e una per la finestra “Fiamme”).
Set options for Flame
L’applicazione del filtro richiede un po’ di tempo (soprattutto se avete impostato una Densità di campionamento alta); quando avrà concluso, ecco cosa potrete vedere (una parte della mia immagine):
Preview of flame filter
Non male! Ora assicuratevi di avere il colore nero come “Colore di primo piano” e bianco come “Colore di sfondo”; create un nuovo livello cliccando nel bottone apposito (indicato dalla freccia a sinistra) e scegliete Colore di primo piano in “Tipo di riempimento livello”. Cliccate Ok.
Creation of new layer
Andate su Filtri —> Luce e ombra —> Riflesso lenti…:
Apply lens flare filter
Spostate la lente dove preferite e cliccate Ok:
 
Set lens flare options
Cambiate la modalità del livello in “Scherma”:
Change layer mode to dodge
Cliccate con il tasto destro sopra il livello e scegliete Aggiungi maschera di livello…:
Layer mask for the layer
e scegliete Inizializza la maschera di livello a: Bianco (opacità completa)
Mask options
Ora fate attenzione: cliccate sopra la maschera per lavorare con questa; selezionate lo Strumento Pennello ed utilizzate questi settaggi:
Correct with paintbrush tool
Come potete vedere, provo ad eliminare il cerchio rosso (generato dal filtro “Riflesso lenti…”) che è troppo evidente; con lo Stumento Pennello cercate di dare alla luce l’aspetto che preferite.
Fatto questo, selezionate il livello cliccando sopra di esso (non la maschera) e muovete il “pezzo di luce” dove volete. Naturalmente per far ciò, utilizzate lo Strumento Muovi:
Move layer using the move tool
Ok, ora è facile! Duplicate questo livello e muovete il livello nuovo posizionandolo dove desiderate (per duplicare, basta cliccare sul livello e trascinarlo, senza rilasciare il mouse, sopra il bottone indicato dalla freccia in immagine):
Creation of new layer
I colori delle luci sono troppo uguali. Questo non è bello. Per modificare i colori andate su Colori —> Tonalità-saturazione… e cambiate i valori (nel mio esempio ho modificato solo la Tonalità):
Change color with hue-saturation
Sono convinto che abbiate capito la tecnica, voglio solo spiegarvi un altro trucchetto: duplicate l’ultimo livello creato, spostatelo dove preferite e cambiategli anche colore. Fatto questo, rimpicciolitelo (o ingranditelo) andando su Livello —> Scala livello…; questa operazione crea una luce maggiore che copre più linee o parti del frattale:
Scale layer
Spero che abbiate capito ogni passaggio, ma nel caso incontraste qualche problema, potete chiedermi qualsiasi cosa nei commenti.

Ricordatevi di utilizzare la vostra fantasia perché ogni volta avrete “fiamme” diverse e casuali.

Risultato finale (1600×1200):
Final image
fonte: CarlosWeb

Ricerca personalizzata

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:



GOOGLE+

LINKEDIN

Xtreme Download Manager, XDMAN Ubuntu, audio, Linux opera mini, browser internet Chromium Linux, Chrome, browsers tux collection, mascote Linux LibreCAD, Grafica, Disegno vim, editor, linux, ubuntu Ardour, audio, Ubuntu Unity, deskyop, Gnome, Ubuntu grafica 3d, Linux, Blender