giovedì 16 agosto 2012

Finch per l’accesso e l’utilizzo di protocolli di messaggistica istantanea senza interfaccia grafica.

Maria Susana Diaz | 16:28 |
finchPer l’accesso e l’utilizzo di protocolli di messaggistica istantanea senza interfaccia grafica, uno dei software che può essere utilizzato è Finch.

Esso non è altro che una versione con interfaccia minimale, utilizzabile da console, di Pidgin, progetto di cui fa parte.

Finch permette di cambiare lo status, il tempo di inattività, supporta i plugin, il trasferimento di file, suoni, messaggi di stato, timestamp della chat e la personalizzazione della lista dei contatti.

Inoltre, permette anche di cambiare e ricordare la posizione e le dimensioni delle finestre.

L’installazione è semplicissima, infatti il programma può essere trovato nei repository:

    sudo apt-get install finch
oppure può essere utilizzato Ubuntu Software Center ricercando il programma “finch” (senza virgolette) e installandolo cliccandoci sopra. L’installazione si avvia immediatamente.
finch1
L’aspetto è molto simile a quello di Pidgin, almeno per quanto riguarda i contenuti delle “finestre”, la gestione degli account e l’uso del programma; l’unica differenza è che bisogna muoversi con la tastiera. A tal proposito, se si sta utilizzando Finch tramite gnome-terminal, è fondamentale disabilitare le scorciatoie di sistema di quest’ultimo. Lo si può fare entrando in Modifica → Scorciatoie da tastiera e togliendo la spunta alle due caselle in alto.
finch2
Prima di iniziare ad utilizzare il programma occorre chiarire come muoversi tra le varie parti del programma. Per spostarsi tra i vari controlli all’interno di una finestra si devono utilizzare le frecce Avanti e Indietro o Tab. Per selezionare un valore dai controlli a tendina invece occorre utilizzare le frecce Su e Giù ed Invio. Per muoversi tra le varie finestre la combinazione richiesta è Alt-N o Alt-P, per chiudere la finestra selezionata Alt-C, per mostrare il menù del programma Alt-A. Infine per uscire premere Alt-Q.

Le finestre possono anche essere spostate all’interno dello spazio a disposizione del terminale.; basta premere Alt-M e muovere le frecce direzione. Una volta trovata la posizione  non bisogna far altro che premere Invio per uscire da questa modalità. La prima operazione da effettuare, a meno che non si utilizzi già Pidgin, è la creazione di un nuovo account scegliendo il tipo, e riempiendo i vari campi necessari per ciascun protocollo:
finch3
Una volta terminata la creazione, Finch si connetterà al servizio mostrandoci la tipica lista degli utenti in linea (cercatela tra le finestre attive utilizzando Alt-N). Basta selezionare uno dei contatti e premere invio per aprire la finestra di chat. L’utilizzo, soprattutto il movimento tra le finestre, non è tra i più semplici ma con un po’ di pratica tutto sarà più semplice. Di sicuro Finch è un software utilissimo in caso di emergenza, almeno se c’è bisogno di utilizzare protocolli di IM (msn, yahoo, icq, etc). Finch può essere anche utilizzato per connettersi a server IRC, anche se, per accedere a quest’ultimo protocollo, si consiglia l’utilizzo di software ad-hoc (ad esempio irssi).
Scorciatoie da tastiera.
  • Alt + Q per uscire
  • Alt + A per aprire la finestra delle opzioni
  • Alt + N per passare alla finestra successiva
  • Alt + C per chiudere la finestra corrente
  • Alt + R per ridimensionare una finestra
  • Tab per passare attraverso le opzioni
  • Spazio per spuntare/deselezionare un’opzione.
Altri screenshots.
-->
finch4
finch5
finch6
finch7
finch9
fonte: TuxJournal

Ricerca personalizzata

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:  

GOOGLE+

LINKEDIN

Xtreme Download Manager, XDMAN Ubuntu, audio, Linux opera mini, browser internet Chromium Linux, Chrome, browsers tux collection, mascote Linux LibreCAD, Grafica, Disegno vim, editor, linux, ubuntu Ardour, audio, Ubuntu Unity, deskyop, Gnome, Ubuntu grafica 3d, Linux, Blender