gimp,filtri, ifs, grafica Ubuntu, audio, Linux opera mini, browser internet Chromium Linux, Chrome, browsers tux collection, mascote Linux ubuntu 13.04, raring Ringtail, Linux vim, editor, linux, ubuntu Ardour, audio, Ubuntu Unity, deskyop, Gnome, Ubuntu grafica 3d, Linux, Blender

giovedì 19 aprile 2012

Ubuntu 12.04 LTS Precise Pangolin: tutte le novità e la roadmap completa.

La distribuzione di casa Canonical ha annunciato che il ciclo di supporto per la prossima LTS sarà esteso a 5 anni per la versione desktop, invece che dei soliti 3, anche per supportare meglio i roll-out aziendali e quindi penetrare in quel settore.

Canonical in questo modo affianca le due versioni LTS, server e desktop, per quanto riguarda il ciclo di supporto.

In questo modo l’azienda di Shuttleworth cerca di diventare una scelta appetibile per un’azienda che vuole rinnovare il suo software praticamente a costo zero, avendo però la certezza di avere aggiornamenti e patch di sicurezza, più o meno per tutto il ciclo vitale sia del software stesso che dell’hardware su cui è installato.

La versione LTS è fondamentale per Ubuntu, soprattutto in ambito server, visto che circa il 70% delle installazioni sono di tipo LTS. Da questi numeri possiamo capire il perché di tanta importanza per un rilascio LTS.

Canonical continua a rispettare l’ordine delle lettere dell’alfabeto sia nell’aggettivo che nel nome dell’animale preso in considerazione per rappresentare la prossima distribuzione: questa volta è stato scelto il nome di Precise Pangolin.

I pangolini (gen. Manis, Linnaeus, 1758), conosciuti anche come formichieri squamosi, sono gli unici mammiferi viventi a rappresentare l'ordine dei Folidoti.


Nelle vecchie classificazioni, i pangolini erano ritenuti essere forme particolari di sdentati (Edentata), gruppo che comprendeva anche gli armadilli, i formichieri e i bradipi.

Recenti evidenze basate su prove genetiche, comunque, indicano che i più stretti parenti viventi dei pangolini sono i membri dell'ordine dei Carnivori, con i quali formano il clade Ferae all'interno del vasto superordine Laurasiatheria.

La proposta di classificare i pangolini nell'ordine (o superordine) dei Cimolesti, che comprende molti gruppi estinti come i Pantolesti e i Pantodonti, anch'essi appartenenti a Ferae, non è stata accolta dalla maggioranza degli autori. Pertanto, nella classificazione qui adottata  i Folidoti sono considerati un ordine a sé stante.



Il genere comprende le seguenti specie:


Manis culionensis - pangolino delle Filippine

Manis gigantea - pangolino gigante

Manis temminckii - pangolino di Temminck

Manis tricuspis - pangolino tricuspide o pangolino arboreo

Manis tetradactyla - pangolino dalla coda lunga

Manis crassicaudata - pangolino indiano

Manis pentadactyla - pangolino cinese

Manis javanica - pangolino del Borneo


Questi animali hanno il corpo ricoperto da scaglie cornee costituite di cheratina che, sovrapponendosi l'una all'altra, vanno a formare una sorta di "corazza a piastre". Solo il ventre, la parte interna delle zampe, il muso e le parti laterali del capo sono scoperti. La corazza è costruita in modo da permettere all'animale di appallottolarsi se spaventato. Le scaglie sono affilate e possono essere usate (in particolare quelle della coda) come armi. I piccoli pangolini possiedono scaglie morbide, che si induriscono quando l'animale matura.


Il pelo è presente nelle zone libere dalle scaglie e nelle specie asiatiche anche negli interstizi tra le scaglie.


Gli artigli anteriori dei pangolini, usati principalmente per scavare, sono estremamente lunghi e costituiscono un impedimento quando l'animale cammina sul terreno. La coda è lunga e in alcune specie prensile e serve anche da contrappeso per il corpo appesantito dalla corazza. Gli occhi sono piccoli e solo le specie asiatiche hanno orecchi esterni. La vista e l'udito deboli sono compensati da un olfatto sviluppatissimo.


La lunga lingua, adatta alla cattura di formiche e termiti, non è collegata all'osso ioide, ma, analogamente a quanto accade, per un fenomeno di convergenza evolutiva, nel formichiere gigante, proviene dalla cavità toracica. I pangolini sono completamente sprovvisti di denti. Una funzione trituratrice è svolta dallo stomaco, che per muscolatura e rivestimento interno ricorda il ventriglio degli uccelli. Per aiutare la triturazione spesso sono ingoiati sassi.


La taglia dei pangolini varia da specie a specie, ed è compresa tra i 30 e i 100 centimetri di lunghezza. Le femmine, generalmente, sono più piccole dei maschi.

fonte: Wikipedia






Rhythmbox sarà il player di default di Ubuntu 12.04?
  Rhythmbox vs Banshee
Potremmo essere di fronte ad un nuovo capitolo del lungo confronto che vede contrapporsi Rhythmbox e Banshee per il ruolo di player audio di default in Ubuntu: Banshee aveva infatti spodestato Rhythmbox in occasione del rilascio di Ubuntu 11.04 ma quest’ultimo potrebbe tornare ad occupare il suo posto in Ubuntu 12.04 LTS.

I fautori del ritorno di Rhythmbox sostengono infatti che questo sia più adatto ad un rilascio Long Term Support per il fatto di disporre già di una interfaccia GTK3 e di essere già presente nella precedente versione LTS di Ubuntu.



A giocare contro Banshee, inoltre, ci sarebbero alcuni problemi legati all’esecuzione su architettura ARM ed i dubbi riguardanti la fattibilità di un supporto lungo almeno tre anni. Nel caso Rhythmbox dovesse riprendersi il suo posto, gli sviluppatori di Ubuntu dovranno integrare il player con Unity e provvedere al port dell’Ubuntu One Music Store.


Come accaduto con Thunderbird, molto probabilmente, la decisione finale sulla scelta del player audio di default verrà presa nei prossimi mesi.




Il nuovo Ubuntu Software Center. 


 Anche se in Ubuntu 11.10 sono stati apportati molti miglioramenti al centro d’installazione del software, infatti, le migliorie non sono affatto finite; secondo gli sviluppatori i traguardi della prossima versione sono essenzialmente tre: che sia solido come una roccia, reattivo, e che sia un vero piacere usarlo.

Molto interessante, insieme a queste proposte, l’idea di rendere il Software Center espandibile tramite plugin: sull’uso di questi sono state tirate in ballo molteplici idee, e una in particolare ha ottenuto risalto, ossia quella di un’estensione che permetta di creare un bundle di programmi da salvare in una pendrive, così dando la pen drive al nostro amico questo può installare i software direttamente dalla penna USB. Come ovvio, sarebbe un modo interessante di supplire alle difficoltà sull’installazione del software in assenza di connettività.

Si pensa inoltre all’introduzione di un listato di applicazioni suggerite, come viene fatto già in
Android Market e in App Store di Apple. Molti dei cambiamenti di cui si è discusso tuttavia sono già in corso di applicazione, come un refactoring del codice per rendere Ubuntu Software Center sempre più reattivo al boot e mentre vengono installati dei pacchetti.

Da dei test fatti tra la versione presente in
Ubuntu 11.10 e una build di test rilasciata in questi giorni, le cifre si attestano sugli 11 secondi di boot per l’attuale programma, mentre il nuovo Software Center esegue il proprio startup in circa 2 secondi.

  
Rifinitura del Display Manager LightDM.

Dall’introduzione di LightDM come gestore predefinito delle sessioni al posto di GDM ci si aspettava davvero molto più anche per assecondare la tanta pubblicità che gli era stata fatta. Non è stato così per Ubuntu 11.10 che ne ha visto una implementazione classica ma c’è spazio per migliorare.

Tra le nuove caratteristiche del Display Manager si sta discutendo sul miglioramento di alcuni particolari che riguardano gli effetti di trasparenza e l’aspetto generale del tema e delle finestre avviate dal LightDM che non risultano coerenti con il resto del desktop.


Tra le migliorie che ci si aspetta per LightDM spiccano proposte come:


  • background personalizzati in base all’utente selezionato;
  • menù e sottomenù trasparenti nella selezione della shell da utilizzare o delle opzioni aggiuntive;

Personalizzazione della Shell Unity.



Durante la sessione “Meet Ubuntu Desktop Designers” gli sviluppatori di Unity hanno espresso chiaramente che non c’è nessuna intenzione volta a rendere poco personalizzabile la shell Unity e anzi che ci sono già dei programmi in vista per sopperire a queste esigenze.

Poco e niente è stato fatto fin’ora al riguardo perchè “come in tutte le cose ci sono delle priorità e per Ubuntu 11.04 e 11.10 c’erano compiti più importati da portare a termine” secondo quanto riferito proprio dai responsabili.

Tra le priorità per il prossimo rilascio ci sono una serie di miglioramenti della gestione delle finestre e degli spazi su Unity ma è sicuro che da Ubuntu 12.04 in poi si avranno a disposizione gli strumenti di configurazione basilare per la shell e le azioni del desktop.



Roadmap.



Alpha 1 - 1 Dicembre 2011
Ubuntu Kate Stewart has announced the availability of the first alpha release of Ubuntu 12.04, code name "Precise Pangolin": "We are pleased to bring you the first set of developer images that capture the current fleeting reality of our Precise Pangolin (Ubuntu 12.04 alpha 1) as it starts to emerge. Alpha 1 includes the 3.2.0-2.5 Ubuntu kernel which is based on the latest mainline 3.2-rc3 Linux kernel. This is an update from the 3.0 kernel in Oneiric. Another noticeable change is the consolidation of the amd64 server flavor into the generic flavor. This will help minimize the maintenance burden over the life of this LTS release. The alpha 1 kernel also adds support for additional ALPS touchpads, contains an updated seccomp patch set, and numerous configuration changes. See the release announcement and release notes for a more detailed list of new features, changes and known issues.


Download (SHA256): precise-desktop-i386.iso (703MB, torrent), precise-desktop-amd64.iso (695MB, torrent). Also made available today were 12.04 alpha 1 images for Kubuntu (download), Xubuntu, (download), Lubuntu, (download) and Edubuntu (download).

Alpha 2 - 2 Febbraio 2012
 
Ubuntu Kate Stewart has announced the availability of the second alpha release of Ubuntu 12.04, code name "Precise Pangolin": "Welcome to Precise Pangolin Alpha 2, which will in time become Ubuntu 12.04. Alpha 2 is the second in a series of milestone images that will be released throughout the Precise development cycle. This is the first Ubuntu milestone release to include images for the armhf architecture, for the ARM CPUs using the hard-float ABI. New packages showing up for the first time include Linux Kernel 3.2.2, Upstart 1.4, Unity 5.0, LibreOffice 3.5 beta 2. See the release announcement and read the detailed release notes for a more complete picture of what's new in this release. Download (SHA256): precise-desktop-i386.iso (714MB, torrent), precise-desktop-amd64.iso (712MB, torrent). Also released today were 12.04 alpha 2 images for Kubuntu (download), Xubuntu, (download, announcement), Lubuntu, (download), Edubuntu (download) and Mythbuntu (download).

Beta 1 - 1 Marzo 2012


Ubuntu Kate Stewart has announced the availability of the first of the two planned beta releases of Ubuntu 12.04, code name "Precise Pangolin": "The Ubuntu team is pleased to announce the first beta release of Ubuntu 12.04 LTS (Long-Term Support) Desktop, Server, Cloud, and Core products. This release introduces a new set of images for the ARMv7 'hard float' ABI, denoted as armhf. There are still some armel images around, as we finish the migration, but 12.04 for ARM will be based on armhf. The technology that allows GPUs to go into a very low power consumption state when the GPU is idle (RC6) is now enabled by default for Sandy Bridge systems, which should result in considerable power savings when this stage is activated. See the release announcement and read the detailed release notes for a list of new features and important changes. Download (SHA256): ubuntu-12.04-beta1-desktop-i386.iso (702MB, torrent), ubuntu-12.04-beta1-desktop-amd64.iso (700MB, torrent). Also made available today were 12.04 beta 1 images for Kubuntu (download, release notes), Xubuntu, (download, announcement), Lubuntu, (download), Edubuntu (download) and Ubuntu Studio (download).

Beta 2 - 29 Marzo 2012



Release Candidate - 19 Aprile 2012



Ubuntu 12.04 LTS - 26 Aprile 2012

fonte: Ubuntulandia
 
Ricerca personalizzata





Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Ultimi articoli pubblicati

I miei preferiti

Segnala Feed iFeed iwinuxfeed.altervista.org Blogstreet - dove il blog è di casa Aggregatore di blog Feedelissimo Paperblog Directory dei blog italiani tutto blog BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Feed XML offerto da BlogItalia.it web counter Il Bloggatore diigo it Computer Blogs - BlogCatalog Blog Directory Aggregatore ElencoSiti Miglior Blog Notizie Informatiche